Recensione Summer Athletics

2124567869.png Sviluppatore: 49 Games

Distributore: Eidos Interactive

Parlato e testi: Italiano

Giocatori: 4

 

 

I 49Games si devono essere messi in testa di battere quelli della Eurocom e diventare la nuova Konami o  Epyx, che con i loro giochi sportivi multi evento ci hanno fatto divertire in un passato ormai remoto. Dopo aver sviluppato giochi sportivi ambientati al freddo, vedi RTL Winter Sports o Torino 2006, i programmatori tedeschi se ne escono con questo Summer Athletics, nell’intento di cavalcare l’onda d’interesse provocata dalle Olimpiadi di Pechino. Con la SEGA che si è accaparrata i diritti ufficiali dei Giochi Olimpici, Summer Athletics cerca di farsi largo con 26 discipline e diverse modalità di gioco.

 

Sport e modalità

Le prove presenti in Summer Athletics si dividono in sette categorie: nel Nuoto ci sono i 100m stile libero, rana e dorso, i 200m farfalla e per finire la staffetta 4x100m mista. La differenza tra i diversi stili è data dai diversi movimenti da effettuare con wiimote e nunchuk per nuotare, si tratta comunque di trovare il ritmo giusto. I Tuffi sono rappresentati solo dalla piattaforma 10 metri; dopo aver selezionato il tuffo da effettuare bisogna muovere a tempo i due controller per dare potenza al salto, in fase di volo si devono far oscillare  nunchuk e wiimote quando il loro simbolo raggiunge l’icona corrispondente, infine per fare una buona entrata in acqua basta muovere in basso quando l’apposita barra è piena. Passiamo ai Salti, settore che annovera quattro prove: salto in lungo e salto triplo sono molto simili a quelli visti in Mario & Sonic, una volta caricata l’energia basta muovere in alto i controller a tempo per effettuare gli stacchi, la particolarità qui è nel modo di caricare la potenza, bisogna partire piano ed aumentare in successione per riuscire a riempire la barra. Nel Salto con l’asta invece si può iniziare subito a pompare con nunchuk e wiimote, una volta fissata la velocità si dovrà agire sul wiimote, prima in basso per imbucare l’asta e poi in alto per selezionare la potenza. Invece nel salto in alto si ripresenta il metodo tipico del rhythm games del muovere in basso nunchuk e wiimote quando le loro icone combaciano con quelle sullo schermo. In questo modo si andrà a riempire la barra della potenza per riuscire a superare l’asticella, in più bisognerà tenere il wiimote nella giusta posizione per avere una postura corretta e non far cadere l’asticella. Gli eventi Lancio sono peso, disco, martello e giavellotto, alla fine sono molto simili tra loro, basta tenere premuto il tasto B e muovere il wiimote come indicato per acquisire potenza, per poi selezionare l’angolo di lancio alzando o abbassando il telecomando, a questo punto basterà rilasciare il tasto B per lanciare. Il giavellotto risulta accattivante perché bisogna portare il wiimote alla spalla come nella realtà. Molto fornito il settore Corsa, c’è solo l’imbarazzo della scelta tra 100m, 200m, 400m, staffetta 4 x 100m, 110m ad ostacoli, 800m e 1500m. Si tratta in fondo delle discipline più semplici, i tratta solo di correre il più velocemente possibile ma nelle due corse di mezzofondo bisogna stare attenti anche alla resistenza. Penultima categoria è il Tiro con l’arco, qui presente con l’arco compound da 70 metri e con l’arco olimpico da 50 metri. Nel primo con il wiimote si prende la mira, calcolando la forza del vento, con B si tende l’arco e rilasciandolo si scocca la freccia. Mentre nell’arco olimpico l’arco si tende sempre con B, ma la mira si prende con il nunchuk e la freccia viene scoccata automaticamente quando la tensione raggiunge il massimo. Per finire c’è il Ciclismo su pista con ben tre prove: Scratch, inseguimento a squadre e velocità Olimpica. In tutte si tratta di muovere nunchuk e wiimote in modo alternato, come se fossero dei pedali, stando sempre attenti a non consumare la resistenza, fondamentale per avere uno scatto finale degno di nota. Tutte le discipline possono essere affrontate in modalità arcade, nella quale vengono dati tre bonus “turbo”, in grado di velocizzare e potenziare l’atleta e portare a risultati incredibili come un 28 metri nel lancio del peso, oppure in modalità pura, in cui si dovrà fare affidamento unicamente sulle proprie capacità.Oltre all’evento singolo Summer Athletics presenta 6 competizioni multi prova che vanno dal decathlon al campionato estivo con 19 eventi, dal platino con tutte le gare alla competizione personalizzata. Inoltre è presente una modalità Carriera, divisa in tre coppe di crescente difficoltà, in cui si dovrà creare un personaggio e farlo crescere usando i punti che vengono assegnati dopo ogni gara.

 

Il rovescio della medaglia

Parliamo dei difetti di questo gioco iniziando ovviamente dalla realizzazione grafica davvero di scarso livello, passi per gli elementi di contorno tipo il pubblico ma quando si vedono degli atleti disegnati male ed animati in maniera grezza qualcosa non torna. Capisco che la natura multipiattaforma del gioco abbia influenzato questo (questa versione è identica a quella PS2), ma un minimo di cura in più non avrebbe guastato. Il sonoro cammina, anzi zoppica, di pari passo con la grafica: il commentatore ha un immenso repertorio di cinque, sei frasi ed il poco sbattimento nella localizzazione si intuisce dalla voce rimasta in inglese che avverte che si sta usando un turbo. Altro difetto è la poca varietà delle discipline, d’accordo sono 26 ma perché inserirne cinque di nuoto e tre, dico TRE, di ciclismo invece di mettere, che so, il sollevamento pesi, la pistola, il tiro al piattello, il volteggio. Le possibilità erano moltissime e avrebbero ampliato leggermente la scelta.

 

Conclusioni

Summer Athletics è un titolo che provoca nel giocatore diverse reazioni, la prima impressione non è delle migliori, complice la grafica davvero scarsa che la fa da padrone in ogni settore del gioco. Superando l’impatto negativo si riesce ad apprezzare qualche disciplina ed a divertirsi, specie in multiplayer. Ma giocando a fondo si capisce come tra le 26 prove troppe si somiglino tra loro e ne manchino altre che avrebbero reso il gioco più vario e godibile.

1595100909.jpg 414397501.jpg 634592653.jpg 1152971841.jpg

 

 

 

 

 

 

Recensione Summer Athleticsultima modifica: 2008-08-15T14:55:00+00:00da fanboy76
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Recensione Summer Athletics

Lascia un commento